La sempre crescente sensibilità verso il rispetto dell’ambiente in cui viviamo ci porta a considerare come impiegare al meglio i materiali di cui disponiamo. Si moltiplicano così gli esempi capaci di rispondere a questa logica “green”, tra quali oggi si parla molto di WPC, materiale composito formato da plastica e legno, in molti casi derivati da riciclo.

Per comporre tale blend si possono ad esempio utilizzare segature o altri tipi di scarti di fibre di legno unendoli a plastiche vergini o riciclate; la plastica si lega alle fibre di legno rendendole resistenti all’ umidità mentre queste conferiscono alla plastica una maggiore resistenza.

Poi, tramite estrusione o stampaggio si ottiene la forma desiderata di prodotti che spaziano dal settore dell’edilizia a quello dell’automotive e che presentano notevoli vantaggi, necessitando tra l’altro di scarsa manutenzione pur durando a lungo nel tempo.

03916

I laboratori VIBA da sempre attenti alle più diverse esigenze del mercato hanno recentemente approntato il VIBATAN® ANTISHRINKAGE 03916, Masterbatch pensato per l’estrusione di  compound in Polietilene caricati con farine  di legno (WPC). La sua funzione è quella di aumentare in fase di processo la compatibilità tra il polimero e la farina di legno, evitando così  che si formino sgradevoli difetti di avvallamento superficiale del manufatto (shrinkage).

L’utilizzo del VIBATAN® ANTISHRINKAGE 03916 consente quindi il miglioramento di alcune proprietà meccaniche del compound e ciò risulta essere in funzione dei componenti del blend, delle loro relative percentuali e del dosaggio del Masterbatch in questione.

Per ogni ulteriore informazione in merito gli uffici tecnici VIBA sono sempre a disposizione.